Vigilie


Ecco è domenica sera, è stata una giornata fredda e piovosa, mia moglie ha lavorato tutto il giorno a cucinare e preparare i Pan Pepati natalizi.

Non siamo usciti di casa e abbiamo pranzato e cenato da soli con tranquillità e armonia.

Niente nipotina oggi, un giorno di riposo per i nonni sitter, eppure ci è mancata.

Anche gli altri nipotini sono lontani, in Italia, anche loro ci mancano, ma li vedremo presto.

Oggi ho letto un libro di Chekov sui deportati in Siberia, non molto è cambiato da allora come ferocia del governo.

Ho disegnato un paesaggio invernale, un sentiero melmoso perso in una pianura nevosa tra alberi spogli.

Ma è una vigilia per me, questo mi intristisce e spaventa.

Mi ricorda il momento quando, sul balcone di casa a Milano, guardavo il giardino spoglio e dicevo a me stesso :” Sette anni, domani avrò sette anni, sono proprio vecchio !”

Non prendetemi in giro, i pensieri gravosi di un bambino valgono quanto quelli di un uomo maturo, ancora più di un anziano.

Domani 79 anni, una cifra enorme, i miei genitori sono morti molto prima di questa data e così amici, parenti, altri visi noti o intravisti.

Niente auguri, niente regali, passiamo oltre la soglia.

Domani andrò a disegnare al centro anziani, poi a cullare e giocare con la piccola Maebh, che compirà quattro mesi.

Ogni giorno lei migliora le sue capacità mentre io lentamente le perdo.

Un equilibrio perfetto.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.