Un incontro


Mi pareva lui, ma non ne ero sicuro.

Un viso scavato, gli occhi socchiusi infossati, ma il testone rotondo e calvo però era sempre quello, anche se non si vedeva più la sporgenza del suo pancione , non potevo sbagliarmi.

” Ciao nonno Talpone, da tanto tempo non ti vedevo, sei quasi irriconoscibile.”

” Sapessi! – mi ha risposto con voce tremula – Che brutto periodo ho passato ! Schiena, gambe, stomaco, dolori … Ma ora tutto è in sospensione. Però sono in cura dietetica strettissima, sono dimagrito ben 10 chili !”

” Come, in due mesi solamente?”

” Certo ! Ho trovato tra le vecchie carte, sai che io tengo tutto, non si sa mai, ho scoperto, dicevo, delle tabelle dietetiche che aveva compilato una dottoressa per un menù da 2000 kcalorie. Il consulto mi era costato ben 250 euro, allora quelle tabelle mi avevano fatto ridere, ci avevo bevuto sopra una bella bottiglia di Bonarda.

Però leggendole ai primi dell’anno mi sono detto ” perché no?” con tutti i soldi che avevo speso, così adesso le seguo fedelmente, anzi le ho calibrate su 1500 kcalorie.”

Ho mugolato un grugnito di assenso generico, come si usa in questi casi, ma lui ha proseguito con foga.

” Le prime settimane erano una meraviglia, i chili scendevano che era un piacere, ora tutto è difficile, per un etto ci vogliono giorni, anche una settimana. Ma sai un piatto di spaghetti cosa valgono ?”

” Non lo so, ricordo che ti facevi versare delle fondine straripanti, certe volte ti concedevi anche un bis.”

“Ah, altri tempi! Ora solo 70 grammi e, pensa, conditi con un filo d’olio pesano ben 360 calorie! Con un sugo di ragù e parmigiano salgono a 500! E il pane? Una fetta sola ben 365 calorie. La polenta al sugo che preparavo secondo la ricetta della mia povera mamma, sai la cifra? Prova a indovinare .”

” Non so, forse 500?”

” Noo ! 1000 kcalorie! E io raddoppiavo sempre le porzioni! Che bei tempi!”

” E il gorgonzola? E un bicchiere di vino rosso?”

L’immagine sfocata dello specchio si agitava sempre più, così mi sono allontanato lentamente borbottando un ” arrivederci”.

Questa pandemia sta provocando degli inquietanti effetti collaterali in tutti noi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.