In breve


Ho incontrato e giocato a scacchi con il nipotino Jac.. che non vedevo dallo scorso marzo.

Sono da qualche anno suo nonno f.f. e ultimamente ho avuto troppo paura.

Se avevo scelto di sostituire la figura dei suoi nonni deceduti, miei amici carissimi, avrei dovuto mostrare più coraggio.

Questo virus ci rende vigliacchi.

N.T. è andato in edicola a comperare come sempre il settimanale enigmistico.

Però ha prudentemente letto solo le barzellette.

Ma la televisione è in massima parte una gran noia, diciamolo.

Per quanto riguarda gli amati libri bastano pochi minuti per stancare la vista e fare lacrimare gli occhi.

Che guaio!

E’ venuta in visita un’amica di mia moglie che non incontravo da anni.

Ha esclamato :” Ma come ti trovi bene, sembri un sessantenne!”

Ci sono rimasto male, perché questi complimenti femminili?

Ho la mia età con i necessari guai e me li sento.

Ma perché ringiovanire di una decina d’anni?

Non capiscono che quando mi trovo con i miei nipotini allora sì che diventò ragazzo come loro.

In sciopero


Caso sciopero solo notizie in breve

Ho incontrato dopo mesi mio nipote Scoiattolino, è alto quasi come il nonno e si è fatto radere i baffi per la prima volta.

Ieri scendevo le scale per cambiare le solite due bottiglie quotidiane. Ho incontrato il vecchietto del piano sottostante, 85 anni senza saggezza. Mi ha sgridato perché non portavo la mascherina. ” Anche per scendere in cantina?” “Ancor di più, in cantina ci sono i microbi !”. Deve essere astemio, io in cantina tengo circa duecento bottiglie di vino, da sempre il rimedio di ogni male.

Cambiata la tuta estiva con una invernale. Scovata una in feltro spugnoso di mio padre, risale agli anni ’50, mi commuovo e la indosso subito religiosamente, il suo ricordo mi corazza contro le avversità.

Mia moglie poco fa mi ha chiamato ” Zuccone”. Ho protestato, ma lei mi ha accarezzato il capo, dicendo che non era un’offesa, soltanto un apprezzamento per la mia testa grossa. Mi sento Charlie Brown.

Il mio gatto Coccolone è saltato sulla scrivania e si è seduto pacificamente sopra il giornaletto delle parole crociate, giocando con la biro. Anche lui è diventato proibizionista.

Baruffe in famiglia


Non si può continuare così, in questa lenta discesa verso il baratro della demenza senile.

Ho preso una decisione drastica: butto via tutti i giornaletti di enigmistica che possiede nonno Talpone.

” Sarebbe un’azione cattiva e crudele – ha suggerito il Grande Capo Super Io, che talvolta interviene nel nostro rapporto – agisci con moderazione, ricordati che lui è anziano “.

Ci ho pensato e ho deciso di nascondere quelle carte drogate in un armadio da chiudere a chiave, lasciandole disponibili solo una mezz’ora al giorno.

Quando nonno Talpone ha saputo della mia decisione si è infuriato.

“( Traduco in italiano ) Come ti permetti di di negarmi queste piccole gioie e consolazioni della mia età?

Non ho molto da fare. non ho molti amici, perché sono quasi tutti morti o indementiti, sono depresso, voglio la mia libertà!”

” Zitto e mosca!- ho insistito- è per il tuo bene, non leggi, non scrivi più, fai qualche lavoretto, fatti nuovi amici, esci di casa, non fare il talpone ottuso e scontroso!”

” Pirla! Bauscia! Balabiott ! Tripe’ de maiolica! Mi fu quel che pias a mi !”

” Vecchiaccio bilioso !- sono esploso – tu non sei nessuno! Se non ci fossi io a scrivere tu non esisteresti nemmeno, altro che emissioni cerebrali!”

” Alura anca ti, lumaga! Va a ciapa’ i ratt!”

“Buoni ragazzi, calma !- è alla fine intervenuto il Grande Capo- come dice vostro figlio Martello di dio, pace e bene, con calma e rassegnazione.”

Allora io ho risposto infuriato che lui chi si credeva di essere, il Super Io che comanda tutti a bacchetta?

Nonno Talpone ha urlato che senza i suoi rebus lui scendeva in sciopero.

” Anch’io – ho detto con tono deciso – sciopero contro il padrone, questo Super Io dei miei stivali “.

” Propri insci ! Super Io del menga- ha rincarato il nonno – Baloss! Luganega!”

C’è baruffa in famiglia.

Per fortuna che per ora siamo solo in tre, ma non è detto.

Non vorrei che ci raggiungessero anche lo zio Fiele, la Rosalinda Verginelli, il Bambino Cattivo, il maresciallo Vittorio Caraffa, il Pierrot di Periferia, Pasquale Birretta de Montecastrilli, il poeta Haiku Pao Tsou Bassho, nonché la dottoressa Santina Vivaddio, medico podologo ma anche psicologa f.f. ( facente funzione).

Sono mesi che non incontro il mio vecchio amico psichiatra, il corona virus ci ha tenuti chiusi in casa, anche troppo.

La frittata


” Muchela de di de stupidad ! Sun minga devenu un ciula, te capit!”

Il bonzo nonno Talpone ha finalmente parlato.

Traduco per la moltitudine dei non milanesi doc.

“Smettila di dire sciocchezze, non sono diventato stupido, capito?”

Il fatto è che i giornaletti delle parole crociate, rebus, sudoku, parole intrecciate e crittografate lo hanno ridotto allo stato di drogato dipendente di questi giochi solitari.

Da quando si alza alla mattina sino a tarda notte, salvo sporadici incarichi perentori della moglie prussiana, lui si rifugia in poltrona, con il gambone sollevato, a cercare di decifrare i quesiti posti da questi opuscoli.

Ieri però nel cercare di riempire uno spazio di cinque lettere, autore del ” Male oscuro”, ha subito scritto trionfante ” Berto “.

” Giuseppe Berto, devo avere anche il libro, lassù in alto nella libreria della sala, reparto libri difficili, tre volte l’ho iniziato e lasciato perdere, insieme all’ Ulisse di Joyce e all’ Uomo senza qualità di Musil “

Però questa volta stancamente si è alzato ed è salito temerario sulla scaletta per trarlo giù.

Cominciando a rileggerlo ha scoperto un tesoro.

Il rapporto conflittuale dell’autore con il padre, il rimorso dopo la sua morte, la sensazione di odio/amore verso una persona defunta eppure ancora invadente nella propria psiche.

Nonno Talpone si è ritrovato immerso fino al collo nel personaggio.

Ma poi si è chiesto, come si è comportato lui stesso con i figli?

E’ stato e sarà un fantasma angoscioso anche lui?

Per ora si ricorda vagamente di aver giocato con loro e di aver sempre fatto il buffone per farli divertire quando erano piccoli, ma anche di essere stato severo su certi principi di comportamento.

Sarà stato giusto come padre?

Comunque a quasi 80 anni ora la frittata è stata fatta.

Le onde mentali


Tempo fa mi capitava di chiedere al mio vecchio amico N. T. come mai non dettava più i suoi racconti, nonché i pensieri, le fantasie e le sue acide recriminazioni.

Lui mi rispondeva che non aveva mai smesso di parlare, solo che trasmetteva via etere come una radio privata, attraverso le onde mentali.

Io ridevo della battuta, ritenuta come tale, pensando che volesse nascondere la sua innata pigrizia.

Ora da tempo non mi degna di una qualsiasi risposta.

I suoi ultimi malanni, abbastanza seri, lo hanno ammutolito e ridotto in poltrona, con la gamba tesa in alto, lo sguardo assente e vuoto.

Spesso giace in compagnia di vecchie settimane enigmistiche, munito di penne, matite, gomma e lente di ingrandimento.

La situazione sembrava degenerata, ma la recente visita lampo del figlio inglese, il Martello di dio, lo ha scosso alle fondamenta come un tornado estivo.

Si spera in un risveglio dal suo stato comatoso.

Altrimenti dovrò cercarmi un’altra occupazione.

Chi ha bisogno di un segretario part time?

La parure


Ricevo e trascrivo:

“So’ er cognato der Tarpone, che poi da noi sarebbe Von, Von Paulus pe’ capicci, invece ar Colle suo lo nominavano Bis, perché magnava tutto doppio e anche di più.

Dicevo però che la medicina vera per quel poretto l’ho datta io, proprio ieri sera, con sei bei boccioni di vino bono, portati da Montoro de un amico mio.

Mo’ se lamenta ancora, ma lascia che voti er primo boccione e l’arrivedi novo novo.

S’è diventato mezzo nero e mezzo bianco che ffa?

Anche lì boccioni dati tre erano de Merlot e tre de Grechetto, tanto pe ffa la parurre!”

Buon ferragosto


Da molto tempo lui è depresso, rattristato dagli accidenti fisici che lo hanno recentemente colpito, è perso in pensieri vaghi, caotici e negativi.

Ora il suo ventre e le cosce sono di un uniforme colore nerobluastro e lui commenta ironicamente ” Se vado in piscina mi prendono per meticcio e mi chiedono il permesso di soggiorno in Italia”.

Due settimane fa un grave attacco di tromboflebite lo ha costretto all’immobilità e a subire dosi massicce di eparina, un fluidificante del sangue che gli provocano dolorosi ematomi nerastri.

La sua campagna umbra gli richiede insistentemente lavori manuali urgenti ma lui è costretto tutto il giorno in una poltrona con le gambe all’insù.

Questo aumenta la sua rabbia accidiosa.

Diciamolo chiaramente: è diventato noioso.

Eppure lui sostiene che nel primissimo mattino, all’alba, si sente ancora giovane, atletico e piacevolmente socievole, con idee brillanti, ruminando tracce di storie curiose ed esilaranti

Però quando si alza faticosamente per la colazione tutto sembra svanire rapidamente, lo aspetta l’iniezione bruciante, poi le zanzare e i pappataci lo attendono per il loro pasto quotidiano nel calore ferragostano.

Giù le mani !


“Oggi lo so bene, è il 2 giugno, Festa della nostra Repubblica – strilla nonno Talpone – non sono pazzo!”

Lui è inferocito e sostiene che ci stanno rubando le festività più importanti dell’anno.

” Il 25 Aprile è la commemorazione della liberazione dal giogo nazista e la vogliono mascherare da giorno della riconciliazione, e da chi? Dai torturatori?

Il 1 Maggio, giorno dei lavoratori angariati e sfruttati, invece vogliono farne una festa religiosa dedicata a San Giuseppe.

Oggi si ricorda la vittoria del Referendum contro la monarchia, che si era macchiata di codardia con il regime fascista, che poi nelle tragiche settimane di sgangherati balletti con tedeschi e americani è fuggita, lasciandoci schiavi inermi. Ora l’hanno scelta come festa di piazza sovranista della destra.

Basta, oggi uscirò di casa con la mascherina tricolore e metterò la bandiera alla finestra.

Vergogna!”

Povero vecchio nonnetto, tutto si trasforma, si stravolge si dimentica.

Avevano anche cercato di togliere Storia come materia di studio.

La gente non legge più libri, ci si appassiona a rabbiose sceneggiate televisive.

I politici non fanno più comizi, ma comunicano con Facebook e con Twitter.

Le bugie digitali ( fake news ) furoreggiano.

Non si è accorto che quello che dilaga è il virus dell’idiozia.

In attesa


Avevo fatto svariati tentativi di svegliare nonno Talpone dal suo letargo quotidiano.

Una gentile lettrice ha persino scritto, preoccupata per il suo lungo silenzio.

Per questo mi sono deciso a fare decise pressioni perché parlasse e avessi qualcosa da riferire.

Lui, con gli occhi ancora trasognati, ha sollevato il viso dalle pile di libri che ingombrano sempre più la scrivania, chiedendo :” Che giorno è oggi ?”

Quando ho riferito che dovrebbe essere il 27 maggio, lui ha sorriso allegro e giulivo, osservando che era il giorno dello stipendio.

Inutile ricordargli che ormai è in pensione da vent’anni.

Ho invece insistito per chiedergli come stava e come passava il tempo in questo periodo virale.

Non trascrivo le sue parole perché sono le stesse frasi usate il 20 aprile scorso, più di un mese fa.

Deprimente.

Ma da povero segretario, se mi posso permettere un’osservazione, guardandoci intorno ci accorgiamo che la gente è cambiata e non in meglio.

È aumentato il traffico delle auto, aggressivo e impaziente, alcuni negozi e bar sono aperti, biciclette e monopattini elettrici scorazzano spavaldi sui marciapiedi, molti seguono la moda della mascherina al collo, come fosse una cravatta.

Abbiamo sofferto molti contagiati e morti, pochi hanno fatto guadagni enormi e moltissimi sono quasi alla disperazione, altro che vacanze al mare.

Ho timore che la resa dei conti la vedremo tra pochi mesi.

Sogni ripetuti


” Toh, oggi è domenica!

Ma era l’altro giorno domenica, è mai possibile?”

Questo è un tipico pensiero demenziale di nonno Talpone in questi tempi.

Giornate ripetute sempre uguali, ci si sveglia tardi la mattina e tutto si srotola identica, come una sequenza ripetuta in continuazione.

Soliti gesti, solite stanze, vita a tre, tollerabile e affettuosa.

” Caro, guarda che oggi è lunedì ! – afferma con decisione la moglie.

“Possibile? Che tempi ! – bofonchia poco convinto nonno Talpone – Dunque quale libro stavo leggendo?

Ritorniamo agli schiavi dell’antica Roma di Trimalcione, il ‘700 di Moll Flanders o l’ospedale tra le montagne di Castorp?”

La moglie però gli suggerisce con tono perentorio che oggi bisogna passare l’aspirapolvere in tutte le stanze di casa.

Nonno Talpone e il gatto si rassegnano, lui a rollare lo spazzolone, l’altro a fuggire dal nostro ruggente.

Quando avrà finito sarà l’ora del pranzo, poi il libro in poltrona a dormire.

Ed è subito sera, come diceva il poeta.

La cena, il bicchiere della staffa per scacciare la melanconia e a tarda notte tutti a letto con i nostri sogni di evasione.