L’UOMO CHE RIFIUTÒ L’ANNO NUOVO


Non c’è niente da fare, per quanto io insista, nonno Talpone dice che lui vuole continuare a vivere nell’anno 2020.

È risaputo che gli anziani sono testardi e un poco svaniti, che alcuni non vogliono festeggiare i loro compleanni dopo una certa cifra maturata, ma questa sua petulante affermazione mi preoccupa.

Non è per l’età, ormai a dicembre lui ha festeggiato i suoi anni con la moglie e una spumeggiante bottiglia di Prosecco.

” Scusate ma che cosa è cambiato? – insiste battagliero nonno Talpone – I dolori alla schiena continuano, si gira ancora con la mascherina per il virus, non posso abbracciare i figli e i nipotini, non vedo gli amici, non posso girare per le città, i musei, le biblioteche, i cinema, i concerti.

Il tempo è freddo e piovoso, siamo sempre in inverno.

Chi ha deciso per me che c’è un nuovo anno?”

Queste sue categoriche affermazioni mi ricordano quel libro di uno psichiatra che avevo letto recentemente, ” l’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”.

Forse bisognerebbe aggiungere un altro capitolo, ” l’uomo che rifiutò l’anno nuovo”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.